LBF, 16° giornata: Oxygen Roma Basket – Dinamo Banco di Sardegna Sassari 60-62

27 Gennaio 2024
Condividi:
Facebook
Twitter
WhatsApp

Oxygen Roma Basket – Dinamo Banco di Sardegna Sassari 60-62 (18-15, 28-27, 43-48, 60-62)

Oxygen Roma Basket: Toscani, Ndiaye, Romeo 3, Dongue 18, Cupido, Natali 6, Bongiorno, Scarsi, Czukor 9, Sventoraite 4, Gilli 8, Kalu 12.
Coach: Vincenzo Di Meglio.

Dinamo Banco di Sardegna Sassari: Raca 23, Carangelo 16, Toffolo 4, Crudo 4, Kaczmarczyk 2, Hollingshed 5, Joens 8, Spiga, Fara, Togliani.
Coach: Antonello Restivo.

La Oxygen parte subito forte con Kalu e Dongue, la Dinamo prova a ricucire le distanze con il duo Carangelo-Raca, ma il primo quarto finisce 18-15. Nei secondi dieci minuti di gioco, le sarde iniziano a trovare le giuste geometrie di gioco, mettono in difficoltà la difesa capitolina e si portano per la prima volta avanti nel punteggio. Le padrone di casa, però, sono brave a reagire allo svantaggio e si aggiudicano anche il secondo quarto (28-27) grazie a una ispiratissima Dongue e ai canestri decisivi della coppia Czukor-Sventoraite.

Al rientro dall’intervallo, Sassari tenta ancora una volta la fuga con le triple di Joens e Raca; coach Di Meglio chiama subito il timeout per sistemare alcuni meccanismi difensivi e ottiene parzialmente la reazione da parte della propria squadra: una super Kalu guida la carica, ma purtroppo non basta, il terzo quarto è della Dinamo (43-48). Nell’ultimo tempo di gioco, la Oxygen riesce nell’impresa di recuperare: apre la rimonta una splendida tripla di Czukor, Kalu dà la sterza decisiva, Natali e Dongue chiudono l’opera. Negli ultimi quattro minuti va in scena una vera e propria battaglia sportiva: le due bombe di Raca ad un minuto dalla fine ridanno ossigeno alla Dinamo, le capitoline però continuano a lottare e non si arrendono. Gli ultimi secondi sono incandescenti, la Oxygen purtroppo non trova l’impresa e si deve arrendere solo all’ultimo secondo (60-62).

Coach Vincenzo Di Meglio: “Una sconfitta amara e purtroppo non è la prima, perdiamo sempre di 2-4 punti. Poteva essere una gara alla nostra portata ma anche questa è andata male. Nei momenti decisivi ci manca quella dose di cinismo, manca fare la cosa giusta e quindi a volte ci disuniamo. Non cerco alibi, ma questa settimana e la scorsa abbiamo perso un po’ di continuità nel lavoro in palestra. Anche oggi abbiamo accusato la mancanza di ritmo, si deve fare meglio sicuramente. Veniamo da settimane abbastanza travagliate, non siamo stati al completo e anche oggi durante la gara si è fermato Romeo. Quando commetti delle ingenuità e concedi tiri aperti, la squadra va in down e noi lo accusiamo veramente molto di questo tipo di dinamiche. Così come quando riusciamo a fare 2-3 giocate consecutive prendiamo il ritmo, nel quarto quarto abbiamo messo il naso avanti ma poi abbiamo commesso degli errori. La bomba dall’angolo di Raca ci ha ammazzato ed è stata dura risalire. Adesso dobbiamo vincere più partite possibili per evitare i playout e per raggiungere il nono posto. Adesso parlare di playoff è un po’ azzardato, però mi accontenterei di vedere una squadra sul pezzo per tutti i quaranta minuti. Dobbiamo avere fiducia nei nostri mezzi per provare a risalire la china, ma se non c’è la quotidianità di certe cose è difficile non commettere determinati errori“.

Caterina Gilli: “Questa è una sconfitta che brucia soprattutto dopo la gara d’andata, anche lì abbiamo perso di poco. Oggi ci credevamo, avevamo fiducia, però commettiamo sempre gli stessi errori che ci hanno condannato. Ci manca un po’ di continuità, a volte ci affossiamo da sole e andiamo in down. Nonostante tutto resto fiduciosa per il proseguo della stagione, riusciremo a trovare la nostra continuità. I cali che abbiamo sono sicuramente psicologici, ci alleniamo tanto in palestra e tutte abbiamo il fisico per giocare tutta la partita. Quindi penso che dobbiamo lavorare più a livello mentale, magari aiutandoci di più a vicenda quando una di noi è in down e per fare tutto ciò ci vuole tanto impegno“.

Ufficio stampa Oxygen Roma Basket

Potrebbe interessarti